Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Associazione tra adiposità nella mezza età e nell’età anziana e rischio di diabete mellito negli anziani


L’adiposità è un fattore di rischio riconosciuto per il diabete mellito di tipo 2 negli adulti giovani e di mezza età, ma la relazione tra la composizione corporea e il diabete di tipo 2 non è stata descritta accuratamente negli anziani.

I ricercatori della University of Washington di Seattle, negli Stati Uniti, hanno esaminato la relazione tra adiposità, cambiamenti nell’adiposità e rischio di diabete mellito di tipo 2 incidente in adulti di età uguale o superiore ai 65 anni.

È stato condotto uno studio prospettico di coorte ( 1989-2007 ) su 4.193 uomini e donne di età uguale o superiore a 65 anni nel Cardiovascular Health Study.

Le misure di adiposità sono state derivate da dati antropometrici e di impedenza bioelettrica al basale e misure antropometriche ripetute 3 anni più tardi.

Il diabete incidente è stato confermato sulla base dell’uso di farmaci antidiabetici o di un livello di glicemia a digiuno uguale o superiore a 126 mg/dL.

In un follow-up mediano di 12.4 anni ( intervallo: 0.9-17.8 anni ), sono stati osservati 339 casi di diabete incidente ( 7.1/1000 persone-anno ).

L’hazard ratio ( HR ) aggiustato del diabete mellito di tipo 2 per i partecipanti nel più alto quintile di misure basali rispetto al più basso quintile è stato pari a 4.3 per l’indice di massa corporea ( BMI ), 3.0 per l’indice di massa corporea a 50 anni, 4.2 per il peso, 4.0 per la massa grassa, 4.2 per la circonferenza vita, 2.4 per il rapporto vita-fianchi e 3.8 per il rapporto vita-altezza.

Tuttavia, quando stratificati per età, i partecipanti di età uguale o superiore a 75 anni hanno mostrato un HR pari a circa la metà di quello dei partecipanti tra i 65 e i 74 anni.

Rispetto ai partecipanti con peso stabile ( più o meno 2 kg ), quelli che hanno avuto il maggiore incremento ponderale dai 50 anni al basale ( maggiore o uguale a 9 kg ) e dal basale alla terza visita di follow-up ( maggiore o uguale a 6 kg ) hanno mostrato un HR per il diabete mellito di tipo 2 di 2.8 e 2, rispettivamente.

I partecipanti con un aumento di oltre 10 cm nella circonferenza vita dal basale alla terza visita di follow-up hanno mostrato un hazard ratio per il diabete mellito di tipo 2 di 1.7 rispetto a quelli con una diminuzione o un aumento uguale o inferiore a 2 cm.

In conclusione, tra gli anziani l’adiposità generale e centrale e l’aumento di peso nella mezza età e dopo i 65 anni sono associati a rischio di diabete. ( Xagena2010 )

Biggs ML et al, JAMA 2010; 303: 2504-2512


Endo2010



Indietro