A Focus on CV
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Effetto dell'aggiunta di Semaglutide orale versus Sitagliptin sull'emoglobina glicata negli adulti con diabete di tipo 2 non-controllato con Metformina da sola o con sulfonilurea: studio PIONEER 3


Gli studi di fase 3 non hanno confrontato la Semaglutide ( Rybelsus ) orale, un agonista del recettore di GLP-1, con altre classi di farmaci per la terapia ipolipemizzante.

Lo studio PIONEER 3 ha confrontato l'efficacia e ha valutato i profili degli eventi avversi a lungo termine di Semaglutide orale una volta al giorno versus Sitagliptin ( Januvia ) 100 mg aggiunti a Metformina con o senza sulfonilurea nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

Lo studio di fase 3a randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, condotto in 206 siti in 14 Paesi per 78 settimane dal 2016 al 2018 ha coinvolto 2.463 pazienti sottoposti a screening, da cui sono stati randomizzati 1.864 adulti con diabete di tipo 2 non-controllato con Metformina con o senza sulfonilurea.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Semaglutide orale una volta al giorno, 3 mg ( n=466 ), 7 mg ( n=466 ) o 14 mg ( n=465 ) o Sitagliptin, 100 mg ( n=467 ).
La Semaglutide è stata somministrata a 3 mg/die ed è aumentata ogni 4 settimane, prima a 7 mg/die quindi a 14 mg/die, fino al raggiungimento del dosaggio randomizzato.

L'endpoint primario era la variazione dell'emoglobina glicata ( HbA1c ) e l'endpoint secondario principale era la variazione del peso corporeo, dal basale alla settimana 26. Entrambi sono stati valutati alle settimane 52 e 78 come endpoint secondari aggiuntivi.
Gli endpoint sono stati testati per la non-inferiorità rispetto a emoglobina glicata [ HbA1c ] ( margine di non-inferiorità, 0.3% ) prima del test per la superiorità di HbA1c e peso corporeo.

Su 1.864 pazienti randomizzati ( età media, 58 anni; HbA1c basale medio, 8.3%; indice di massa corporea [ BMI ] medio, 32.5; n=879, 47.2% donne ), 1.758 ( 94.3% ) hanno completato lo studio e 298 hanno interrotto prematuramente il trattamento ( 16.7% per Semaglutide, 3 mg/die; 15.0% per Semaglutide, 7 mg/die; 19.1% per Semaglutide, 14 mg/die; e 13.1% per Sitagliptin ).

Semaglutide 7 e 14 mg/die, rispetto a Sitagliptin, ha ridotto significativamente HbA1c ( differenze, -0.3% e -0.5%, rispettivamente; P minore di 0.001 per entrambi ) e peso corporeo ( differenze, -1.6 kg e -2.5 kg, rispettivamente; P minore di 0.001 per entrambi ) dal basale alla settimana 26.

Non è stata dimostrata la non-inferiorità di Semaglutide, 3 mg/die, rispetto a HbA1c.
Le riduzioni alla settimana 78 in entrambi gli endpoint sono state statisticamente significativamente maggiori con Semaglutide 14 mg/die versus Sitagliptin.

Tra gli adulti con diabete di tipo 2 non-controllato con Metformina con o senza sulfonilurea, Semaglutide orale 7 mg/die e 14 mg/die, rispetto a Sitagliptin, ha determinato una riduzione significativamente maggiore di HbA1c nell'arco di 26 settimane, ma non è stato riscontrato un beneficio significativo con il dosaggio di 3 mg/die.
Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare l'efficacia in ambito clinico. ( Xagena2019 )

Rosenstock J et al, JAMA 2019; 321: 1466-1480

Endo2019 Farma2019


Indietro