Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Efficacia e sicurezza di Dapagliflozin nel diabete di tipo 2 in base alla pressione sanguigna di base: osservazioni dallo studio DECLARE-TIMI 58


Dapagliflozin ( Farxiga ) ha migliorato l'insufficienza cardiaca e gli esiti renali nei pazienti con diabete di tipo 2 ( T2DM ) con malattia cardiovascolare aterosclerotica o ad alto rischio nello studio DECLARE-TIMI 58 ( Dapagliflozin Effect on Cardiovascular Events - Thrombolysis in Myocardial Infarction 58 ). In questo caso, l'obiettivo era analizzare l'efficacia e la sicurezza di Dapagliflozin stratificando in base alla pressione arteriosa sistolica ( SBP ) basale.

Lo studio DECLARE-TIMI 58 ha assegnato in modo casuale a Dapagliflozin o a placebo pazienti con diabete di tipo 2 e precedenti malattie cardiovascolari aterosclerotiche o fattori di rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche.
I pazienti sono stati classificati in base ai livelli basali di pressione sistolica: inferiore a 120, da 120 a 129, da 130 a 139, da 140 a 159 e maggiore o uguale a 160 mm Hg ( rispettivamente ipertensione normale, elevata, di stadio 1, di stadio 2 e grave ).

Gli esiti di efficacia di interesse erano l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e un esito composito specifico per il rene ( diminuzione sostenuta del tasso di filtrazione glomerulare stimata del 40%, progressione alla malattia renale allo stadio terminale o morte renale ).
Gli esiti di sicurezza includevano sintomi di deplezione di volume, amputazioni degli arti inferiori e danno renale acuto.

Lo studio ha compreso 17.160 pazienti; età media, 64.0 anni; 37.4% donne; durata mediana del diabete di tipo 2, 11 anni; 40.6% con malattia cardiovascolare prevalente.

Complessivamente, Dapagliflozin ha ridotto la pressione sistolica di 2.4 mm Hg ( P minore di 0.0001 ) rispetto al placebo a 48 mesi.
Gli effetti benefici di Dapagliflozin sull'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ed esiti renali sono stati coerenti in tutte le categorie di pressione sistolica al basale, senza evidenza di modifica dell'effetto del trattamento ( P per interazione=0.28 e 0.52, rispettivamente ).

Tra i pazienti normotesi, gli hazard ratio ( HR ) sono stati 0.66 e 0.39, rispettivamente, per il ricovero per insufficienza cardiaca e l'esito renale specifico.
Gli eventi di deplezione di volume, amputazione e danno renale acuto non differivano con Dapagliflozin in generale o all'interno di qualsiasi gruppo pressione sistolica al basale.

Nei pazienti con diabete di tipo 2 con malattia cardiovascolare aterosclerotica o ad alto rischio, Dapagliflozin ha ridotto il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ed esiti renali indipendentemente dalla pressione sistolica basale, senza differenze negli eventi avversi di interesse a qualsiasi livello della pressione sistolica basale.

Questi risultati hanno indicato che Dapagliflozin fornisce benefici cardiorenali nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 ad alto rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica indipendentemente dalla pressione sanguigna basale. ( Xagena2022 )

Furtado RHM et al, Circulation 2022; 145: 1581-1591

Cardio2022 Endo2022 Farma2022


Indietro