XagenaNewsletter
A Focus on CV
Medical Meeting
Xagena Mappa

Efficacia e sicurezza di Semaglutide orale in pazienti con diabete di tipo 2 e danno renale moderato: studio PIONEER 5


Semaglutide orale ( Rybelsus ) è il primo agonista orale del recettore del peptide-1 glucagone-like ( GLP-1 ) per il controllo glicemico nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.
Il diabete di tipo 2 è comunemente associato a danno renale, limitando le opzioni di trattamento. Sono state studiate l'efficacia e la sicurezza di Semaglutide orale nei pazienti con diabete di tipo 2 e danno renale moderato.

Lo studio di fase 3a randomizzato, in doppio cieco PIONEER 5 è stato condotto in 88 siti in 8 Paesi.
Erano ammissibili pazienti di età pari o superiore a 18 anni, con diabete di tipo 2, una velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] di 30-59 ml/min per 1.73 m2 e che avevano ricevuto una dose stabile di Metformina o sulfonilurea, o entrambi, o Insulina basale con o senza Metformina negli ultimi 90 giorni.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale stratificando per farmaci ipoglicemizzanti e funzione renale a ricevere Semaglutide orale ( dose aumentata a 14 mg una volta al giorno ) oppure placebo corrispondente per 26 settimane, oltre ai farmaci di base.

Sono stati definiti due stimatori relativi all'efficacia: la politica di trattamento ( indipendentemente dalla sospensione del trattamento o dai farmaci di salvataggio ) e il farmaco di studio ( in trattamento senza farmaci di salvataggio ) in tutti i partecipanti assegnati in modo casuale.

Gli endpoint erano cambiamenti dal basale alla settimana 26 in HbA1c ( endpoint primario ) e peso corporeo ( endpoint secondario di conferma ), valutati in tutti i partecipanti con dati sufficienti.
La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2016 e il 2017, su 721 pazienti sottoposti a screening, 324 erano idonei e sono stati assegnati in modo casuale a Semaglutide orale ( n=163 ) oppure a placebo ( n=161 ).

L'età media al basale era di 70 anni e 168 ( 52% ) dei partecipanti erano donne. 133 partecipanti ( 82% ) nel gruppo Semaglutide orale e 141 ( 88% ) nel gruppo placebo hanno completato 26 settimane di trattamento.

A 26 settimane, Semaglutide orale era superiore al placebo nel ridurre l'emoglobina glicata ( HbA1c ) ( variazione media stimata di -1.0 punto percentuale vs -0.2 punti percentuali; differenza di trattamento stimata ETD: -0.8 punti percentuali, P minore di 0.0001 ) e peso corporeo ( variazione media stimata di -3.4 kg vs -0.9 kg; ETD, -2.5, P minore di 0.0001 ) secondo l’estimando della politica di trattamento.

Sono state osservate differenze significative per l’estimando del prodotto di studio: variazione media di HbA1c -1.1 punti percentuali vs -0.1 punti percentuali ( ETD -1.0 punti percentuali, P minore di 0.0001 ); variazione media del peso corporeo -3.7 kg vs -1.1 kg ( ETD -2.7 kg, P minore di 0.0001 ).

Più pazienti che assumevano Semaglutide orale rispetto al placebo hanno manifestato eventi avversi ( 120 su 163, 74%, vs 105 su 161, 65% ) e, di conseguenza, hanno interrotto il trattamento ( 24, 15%, vs 8, 5% ).
Gli eventi gastrointestinali, principalmente nausea da lieve a moderata, erano più comuni con Semaglutide orale rispetto al placebo.

Durante il periodo di trattamento si sono verificati 3 decessi che non sono stati considerati correlati al trattamento, 1 nel gruppo Semaglutide e 2 nel gruppo placebo.

Semaglutide orale è risultata efficace nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e danno renale moderato, fornendo potenzialmente una nuova opzione di trattamento per questa popolazione.
La sicurezza, inclusa la sicurezza renale, è stata coerente con la classe di agonisti del recettore GLP-1. ( Xagena2019 )

Mosenzon O et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 515-527

Endo2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro