A Focus on CV
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Inibitori SGLT2 versus agonisti GLP-1R e rischio di esiti cardiovascolari nelle cure di routine dei pazienti con diabete in diverse categorie di malattie cardiovascolari


Sia gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio-2 ( SGLT2 ) che gli agonisti del recettore del peptide-1 glucagone-like ( GLP-1R ) hanno mostrato benefici cardiovascolari in studi controllati con placebo su pazienti con diabete mellito di tipo 2 ( T2D ) e malattia cardiovascolare ( CVD ) accertata .

Si è valutato se gli inibitori SGLT2 e gli antagonisti GLP-1R siano associati a un beneficio cardiovascolare differenziale tra i pazienti con diabete di tipo 2 con e senza malattia cardiovascolare in uno studio di coorte basato sulla popolazione di Medicare e di 2 set di dati negli Stati Uniti dal 2013 al 2017.

I pazienti erano adulti con diabete mellito di tipo 2 abbinati per punteggio di propensione con e senza malattia cardiovascolare ( 52.901 e 133.139 coppie appaiate ) che avevano iniziato la terapia con inibitori SGLT2 rispetto alla terapia con antagonisti GLP-1R.

Gli esiti primari erano l'infarto del miocardio o il ricovero per ictus e l'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.
Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ) e le differenze di tasso ( RD ) per 1.000 anni-persona, controllando per 138 covariate di preesposizione.

L'inizio della terapia con inibitore SGLT2, rispetto agli antagonisti GLP-1R, è stato associato a un rischio leggermente inferiore di infarto miocardico o ictus nei pazienti con malattia cardiovascolare ( HR, 0.90; RD, -2.47 ) ma rischio simile in quelli senza malattia cardiovascolare ( HR, 1.07; RD, 0.38 ).

L'inizio della terapia con inibitori SGLT2, rispetto ad antagonisti GLP-1 R, è risultato associato a riduzioni del rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco indipendentemente dalla malattia cardiovascolare al basale nei pazienti con ( HR, 0.71; RD, -4.97 ) e in quelli senza malattia cardiovascolare ( HR, 0.69; RD, -0.58 ).

L'uso di inibitori SGLT2, rispetto ad antagonisti GLP-1 R, è risultato associato a riduzioni consistenti del rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco tra i pazienti con diabete di tipo 2 con e senza malattia cardiovascolare, sebbene il beneficio assoluto fosse maggiore nei pazienti con malattia cardiovascolare.
Non ci sono state grandi differenze nel rischio di infarto miocardico o ictus tra i pazienti con diabete di tipo 2 con e senza malattia cardiovascolare. ( Xagena2021 )

Patorno E et al, Ann Intern Med 2021; 174: 1528-1541

Cardio2021 Endo2021 Farma2021


Indietro