Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Mediexplorer.it

Nuovi farmaci anti-iperglicemici e prevenzione delle riacutizzazioni della broncopneumopatia cronica ostruttiva nei pazienti con diabete di tipo 2


Si è determinato se l'uso di agonisti del recettore del peptide 1 glucagone-like ( GLP-1 ), inibitori della dipeptidil peptidasi 4 ( DPP-4 ) e inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio-2 ( SGLT-2 ), separatamente, sia associato a un ridotto rischio di esacerbazioni di broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) tra i pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva e diabete mellito di tipo 2 in uno studio di coorte basato sulla popolazione utilizzando un comparatore attivo.

Sono stati utilizzati i database UK CPRD ( United Kingdom Clinical Practice Research Datalink ) collegato con l’Hospital Episode Statistics ( HES ) Admitted Patient Care e Office for National Statistics ( ONS ).

Hanno partecipato allo studio 3 comparatori attivi, coorti di pazienti che hanno iniziato ad utilizzare i farmaci in studio ( agonisti del recettore GLP-1, inibitori DPP-4 o inibitori SGLT-2 ) o sulfoniluree con una storia di malattia polmonare ostruttiva cronica.

La prima coorte ha incluso 1.252 pazienti che iniziavano ad assumere gli agonisti del recettore di GLP-1 e 14.259 che iniziavano ad assumere le sulfoniluree, la seconda coorte ha incluso 8.731 pazienti che iniziavano ad assumere gli inibitori di DPP-4 e 18.204 che iniziavano ad assumere le sulfoniluree, e la terza coorte ha incluso 2.956 pazienti che iniziavano ad assumere gli inibitori di SGLT-2 e 10.841 che iniziavano ad assumere le sulfoniluree.

I modelli di rischi proporzionali di Cox con la ponderazione della stratificazione fine del punteggio di propensione sono stati adattati per stimare gli hazard ratio ( HR ) di grave esacerbazione della malattia polmonare ostruttiva cronica ( definita come ricovero ospedaliero per malattia polmonare ostruttiva cronica ), separatamente per agonisti del recettore GLP-1, inibitori DPP-4 e inibitori SGLT-2.

È stato anche valutato se questi farmaci fossero associati a un ridotto rischio di riacutizzazione moderata ( definita come co-prescrizione di un corticosteroide orale e di un antibiotico insieme a una diagnosi di esacerbazione di broncopneumopatia cronica ostruttiva acuta nello stesso giorno ).

Rispetto alle sulfoniluree, gli agonisti del recettore GLP-1 sono stati associati a una riduzione del 30% del rischio di riacutizzazione grave ( 3.5 vs 5.0 eventi per 100 anni-persona; HR=0.70 ) e riacutizzazione moderata ( 0.63 ).

Gli inibitori DPP-4 sono stati associati a un'incidenza modestamente ridotta di riacutizzazioni gravi ( 4.6 vs 5.1 eventi per 100 anni-persona; HR=0.91 ) e di esacerbazioni moderate ( 0.93 ).

Infine, gli inibitori SGLT-2 sono stati associati a una riduzione del 38% del rischio di esacerbazione grave ( 2.4 vs 3.9 eventi per 100 anni-persona; HR=0.62 ) ma non di esacerbazione moderata ( 1.02 ).

In questo studio basato sulla popolazione, gli agonisti del recettore GLP-1 e gli inibitori SGLT-2 sono stati associati a un rischio ridotto di esacerbazioni gravi rispetto alle sulfoniluree nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva e diabete mellito di tipo 2.
Gli inibitori DPP-4 non sono stati chiaramente associati a un ridotto rischio di esacerbazioni di BPCO. ( Xagena2022 )

Pradhan R et al, BMJ 2022; 379: e071380

Endo2022 Pneumo2022 Farma2022



Indietro