Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Secrezione di insulina e suoi determinanti nella progressione della ridotta tolleranza al glucosio a diabete di tipo 2


È stato studiato l'effetto della secrezione insulinica di prima fase sull'incidenza di diabete mellito di tipo 2 nei soggetti con ridotta tolleranza al glucosio, che hanno partecipato al Finnish Diabetes Prevention Study ( DPS ).

E’ stato preso in esame come un intervento sullo stile di vita abbia influenzato la prima fase di secrezione insulinica ( rapporto tra area sotto la curva AUC di insulina totale e AUC di glicemia totale, AIGR, da 0 a 30 min ) nel corso di uno studio di follow-up di 4 anni e se la risposta AIGR 0-30 sia stata modificata dalla sensibilità all'insulina e dall'obesità.

Sono stati studiati in totale 443 partecipanti con ridotta tolleranza al glucosio, originariamente randomizzati a un intervento sullo stile di vita o al gruppo di controllo.

La sensibilità all’insulina e AIGR 0-30 sono stati valutati mediante un test orale di tolleranza al glucosio somministrato ogni anno durante lo studio di follow-up di 4 anni, e sono stati correlati al rischio di insorgenza di diabete mellito nell’arco di 6 anni di follow-up.

L’intervento sullo stile di vita ha prodotto una maggiore sensibilità all'insulina ( P=0.02 ) e a un valore inferiore di AIGR 0-30 non-aggiustato ( P=0.08 ) durante i 4 anni di follow-up.

Una più alta sensibilità all'insulina e un più basso indice di massa corporea durante il follow-up sono stati associati a un più basso valore di AIGR 0-30 non-aggiustata durante il follow-up, indipendentemente dal gruppo di studio ( P minore di 0.001 ).

Un maggiore incremento nella sensibilità all'insulina al punto di cutoff mediano è risultato associato a un maggior valore di AIGR 0-30, aggiustato per la sensibilità all’insulina, durante il follow-up ( P=0.002 ).

Nei modelli multivariati, la sensibilità all’insulina e i valori di AIGR 0-30 aggiustati erano entrambi inversamente associati all'incidenza del diabete ( P minore di 0.001 ).

I partecipanti che hanno avuto progressione della malattia fino a diabete mellito di tipo 2 erano più obesi e avevano minore sensibilità all’insulina e più basso Matsuda IS index-AIGR 0-30 rispetto a quelli in cui la patologia non era progredita.

I risultati hanno indicato che la riduzione del rischio di sviluppare diabete mellito di tipo 2 dopo l'intervento sullo stile di vita è legato al miglioramento della sensibilità all'insulina e alla perdita di peso.
Una migliore sensibilità all'insulina può anche avere effetti benefici sulla conservazione della funzionalità delle cellule beta. ( Xagena2012 )

de Mello VDF et al, Diabetes Care 2012; 35: 211-217


Endo2012



Indietro